Spoleto

L’arrivo a Spoleto è visivamente anticipato da due monumenti di grande pregio come il Ponte delle Torri e la Rocca Albornoz che, campeggiando dall’alto, sembrano quasi proteggere la cittadina. Il primo, alto 80 metri e lungo circa 230 metri, probabilmente svolgeva in passato funzioni di acquedotto. “Le dieci arcate -dice J.W.Goethe - che sovrastano a tutta la valle, costruite di mattoni, resistono sicure attraverso i secoli”. La rocca, raggiungibile con comodi ascensori, è l’imponente ed elegante fortezza medievale voluta dal Papa Innocenzo VI. La Rocca Albornoz racconta la storia politica e culturale del territorio attraverso il Museo del Ducato allestito al suo interno e gli affreschi della celebre “camera pinta”, la stanza privata del governatore, con rare pitture trecentesche a tema amoroso cavalleresco.
Poche città sono così piacevoli da visitare a piedi come quella di Spoleto. Vagando per i vicoli e le piazzette si attraversa un tessuto urbano di rara bellezza, esempio di unità di diversi stili e varietà di forme. Dalla struttura medievale del borgo trasudano le origini antiche, testimoniate dal Teatro Romano risalente al I secolo a.C., l’Arco di Druso e l’Arco di Monterone costruiti lungo il tracciato della via Flaminia, i resti di un antico tempio romano incastonato nelle pareti della chiesa di Sant’Ansano e la Piazza del Mercato, sede dell’antico Foro.

CONTINUA A LEGGERE

Il Duomo di Spoleto è la principale attrazione turistica. Esso è collocato in una magnifica posizione prospettica in fondo a una lunga scalinata che si apre improvvisamente tra gli stretti vicoli del centro. La piazza, nota da qualche anno agli italiani per essere scenografia ideale delle riprese della celebre fiction Don Matteo, digrada dall’alto con una scalinata. Nei mesi estivi essa si trasforma in uno degli ideali palcoscenici che accolgono gli spettacoli del Festival dei due mondi nato nel 1958 e appuntamento dei maggiori protagonisti del cinema, del teatro e della danza internazionali. La facciata del Duomo è abbagliante nei suoi colori marmorei. Il mosaico bizantineggiante e i suoi ben otto rosoni la rendono unica nelle forme e nei colori. A breve distanza dalla città è possibile fare una sosta per visitare le Fonti del Clitunno, un luogo di grande pregio naturalistico, considerato sacro dagli antichi e cantato da poeti e scrittori come Plinio, Virgilio, Byron e Carducci. La natura curata e splendidi belvedere fanno da sfondo alle passeggiate e alle gite fuori porta, magari portando nel paniere tipici dolci spoletini come la Crescionda e l’Attorta, o fermandosi a mangiare nei caratteristici ristorantini al profumo di braciole, coratelle e frittate al tartufo.

Cosa vedere a Spoleto

  • SPOLETO
  • NATURA
    GUSTO
    EVENTI
    CULTURA

Altre città da non perdere

Vista panoramica di Assisi e della Basilica di San Francesco dai campi sottostanti. Dal basso verso l’alto: campi di grano gialli, vegetazione e boschi verdi, Assisi in pietra bianca rosata, e cielo azzurro.

Assisi

Assisi e i luoghi circostanti, immersi nella campagna umbra alle pendici boscose del monte Subasio, sono annoverati tra i patrimoni Unesco dell’Umanità come epicentro di
Città della Pieve: vista panoramica con campo di girasoli in basso, salendo verso un bosco dal quale si erge in lontananza Città della Pieve sormontata dal cielo azzurro.

Città della Pieve

Quando qui intorno al 1450 nacque Pietro Vannucci, il celebre pittore soprannominato a Firenze “il Perugino”, il piccolo borgo non era nemmeno considerato una città,
Perugia: vista della piazza principale, Piazza IV Novembre. Sguardo rivolto verso corso Vannucci, con vista della Fontana Maggiore e della facciata di Palazzo dei Priori dietro di essa.

Perugia

Perugia, capoluogo umbro, è una città tutta da scoprire nella magnificenza delle sue vie, piazze e fontane e nelle sue stradine tortuose che s’intersecano ben

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi tutti gli aggiornamenti e promo sui prossimi Tour

Con l’invio acconsento al trattamento dei dati. Consulta la Privacy Policy