Gubbio

Entrare nella città di Gubbio, attraversando le antiche stradine ancora abitate che si intrecciano lungo le pendici del Monte Ingino, significa fare esperienza del Medioevo. Dal silenzio dei vicoli si scorgono le piazze vivaci e gioiose dei quartieri di san Martino, sant’Andrea, san Pietro e san Giuliano, tutti da visitare e da girare a piedi. Rapisce poi il cuore l’originalità della struttura pensile di Piazza Grande o Piazza della Signoria, dominata dal Campanone, la cui voce si estende per tutta la pianura circostante. Suggestivo e commovente è il suono prodotto dall’oscillazione della campana antica del peso di 114 Kg che coraggiosi campanari accompagnano il 15 maggio e il 15 agosto, sospesi a 60 metri di altezza, con la sola forza delle proprie gambe e braccia. Sulla stessa piazza, Palazzo dei Consoli custodisce al suo interno le Tavole Iguvine, importantissima fonte redatta in lingua umbra utilizzando l’alfabeto etrusco e latino.
A poche centinaia di metri fuori le mura medievali, tutto ci parla di una storia più antica: la Gola del Bottaccione, pagina aperta sulla preistoria e sulle ipotesi scientifiche della scomparsa dei dinosauri risalente a circa 65 milioni di anni fa e la zona archeologica, detta del Teatro Romano.

CONTINUA A LEGGERE

Gubbio, città di tradizioni e simboli si inchina da secoli al Beato Ubaldo, vescovo della città medievale e santo patrono. Le sue spoglie sono conservate nella Basilica di Sant’Ubaldo che domina la città. Al santo è dedicata una delle tradizioni folkloristiche più importanti d’Italia, i Ceri. Un unicum di passione, adrenalina, fede e gioia che, nella giornata del 15 maggio, travolge le vie con i colori giallo, blu e nero legati alle famiglie dei ceraioli di Sant’Ubaldo, San Giorgio e Sant’Antonio, protettori delle corporazioni medievali più importanti della cittadina. La Festa dei Ceri non può essere raccontata, il motto possibile è solo “provare per credere”. Ogni anno poi, il 7 dicembre, viene acceso l’albero di Natale più grande del mondo, con centinaia luci colorate e una stella cometa sulla sommità che occupa da sola circa 1000 metri quadri di terreno. Importante appuntamento di fine ottobre è anche la Mostra del Tartufo con espositori che arrivano in Umbria da tutta Italia.
Gubbio vi aspetta e vi saprà stupire.

Cosa vedere a Gubbio

  • GUBBIO
  • NATURA
    GUSTO
    EVENTI
    CULTURA

Altre città da non perdere

Vista panoramica di Assisi e della Basilica di San Francesco dai campi sottostanti. Dal basso verso l’alto: campi di grano gialli, vegetazione e boschi verdi, Assisi in pietra bianca rosata, e cielo azzurro.

Assisi

Assisi e i luoghi circostanti, immersi nella campagna umbra alle pendici boscose del monte Subasio, sono annoverati tra i patrimoni Unesco dell’Umanità come epicentro di
Città della Pieve: vista panoramica con campo di girasoli in basso, salendo verso un bosco dal quale si erge in lontananza Città della Pieve sormontata dal cielo azzurro.

Città della Pieve

Quando qui intorno al 1450 nacque Pietro Vannucci, il celebre pittore soprannominato a Firenze “il Perugino”, il piccolo borgo non era nemmeno considerato una città,
Spoleto: vista aerea della città, con Rocca Albornoz in cima alla collina e Ponte delle Torri immersa nel verde sulla destra.

Spoleto

L’arrivo a Spoleto è visivamente anticipato da due monumenti di grande pregio come il Ponte delle Torri e la Rocca Albornoz che, campeggiando dall’alto, sembrano

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi tutti gli aggiornamenti e promo sui prossimi Tour

Con l’invio acconsento al trattamento dei dati. Consulta la Privacy Policy